Marocco: Pastilla

View of Bou Tharar village – Morocco, the Valley of Roses

Il Marocco oltre ad offrire splendide località, sia di mare che di montagna da visitare, offre ai numerosi turisti i piatti tipici della tradizione, particolarmente ricchi di sapori e spezie e giustamente il suo cibo è famoso in tutto il mondo.

Tutti conoscono la bontà del cuscus realizzato utilizzando svariati ingredienti, ma vi sono alcuni piatti che vale la pena assaporare, per comprendere ed apprezzare appieno la cultura di questo Paese, come la Pastilla, un sostanzioso sformato, che richiede una lunga e complessa preparazione.

E’ una portata tipica, che generalmente viene servito come antipasto, in occasione di grandi cerimonie o di feste importanti, sia religiose o no.

Le origini di questa tradizionale specialità culinaria marocchina, ha origini molto antiche, che risalgono al tempo della Spagna islamica, si tratta in pratica di una torta salata o meglio uno sformato di vari tipi di carne, molto particolare, che unisce il sapore dolce con quello salato.

Esistono numerose varianti, anche a base di pesce, frutti di mare o di frattaglie, anche se la più tradizionale ed apprezzata è quella con la carne di piccione, ma può essere sostituita anche con quella di manzo o di pollo.

Viene fatta rosolare e cotta lentamente nel brodo, insieme a molte spezie ed erbe aromatiche, come: aglio tritato, zenzero, coriandolo, zafferano, paprika ed acqua di fiori d’arancio.

La pastilla è composta di vari strati di carne, mandorle tostate o caramellate, cannella ed uova sbattute, il suo sapore è davvero unico, dolce ma salato allo stesso tempo, l’ involucro esterno chiamato Warka, è fatto con dei fogli molto sottili di pasta.